Polemiche a parte – Intervista a MF

Milano Finanza

di Antonio Satta | MF | Su Banca Etruria mettere d’accordo i parlamentari della Commissione d’inchiesta sul sistema bancario non è impossibile, è inutile. Sarebbe fatica persa, più semplice far firmare la pace in Medio Oriente. Eppure è possibile che la Commissione Banche finisca per votare un documento in larga parte unitario. Un testo che lascerebbe ogni gruppo libero di manifestare a parte la propria visione sulle questioni più controverse, dal cosiddetto caso Boschi al presunto golpe franco-tedesco contro il governo Berlusconi a fine 2011.

Del resto gli obiettivi che la legge istitutiva ha dato ai commissari erano sostanzialmente quattro: verificare gli effetti sul sistema bancario italiano della crisi finanziaria globale e le conseguenze dell’aggravamento del debito sovrano; indagare sulla gestione degli istituti bancari finiti in dissesto e salvati con soldi pubblici; chiarire se le attività di vigilanza sul sistema bancario e sui mercati finanziari siano state efficaci e corrette; stabilire se la disciplina legislativa e regolamentare in materia, nazionale ed europea sul sistema bancario e finanziario sia adeguata. 

“Ebbene, su questi quattro punti non solo abbiamo fatto un lavoro enorme, con 47 audizioni che hanno impegnato più di 200 ore di sedute plenarie, ma abbiamo raggiunto gli obiettivi prefissati, effettuando le verifiche che la legge ci richiedeva e arrivando a conclusioni largamente condivise. Questo, ovviamente, al netto di poche, limitate vicende, sulle quali purtroppo la polemica politica e gli interesse propagandistici hanno avuto la prevalenza”. Mauro Maria Marino, vicepresidente vicario della commissione d’inchiesta è convinto che una relazione conclusiva unitaria sia a portata di mano. Anzi sta già lavorando a un testo.“Ce la possiamo fare perchè tutti, maggioranza e opposizione, dobbiamo mettere agli atti che il nostro lavoro, al contrario di quanto pronosticavano in tanti, non è stato inutile”.   [Continua a leggere l’intervista]

 

Related Posts

Facebook Comments

You may also like

Lo Stato del Diritto – Radio Radicale – 18 gennaio

Cari amici, ecco la registrazione del programma radiofonico